Astrocitomi anaplastici

 

 
 
 
 
 
 
 
Cosa sono gli astrocitomi anaplastici?
Anaplasia significa perdita della differenziazione delle cellule. Gli astrocitomi anaplastici sono pertanto costituiti principalmente da cellule immature. Alcuni astrocitomi di minor grado possono subire una trasformazione maligna in astrocitomi anaplastici.
 
Quale frequenza hanno?
Questi tumori rappresentano circa un terzo di tutti gli astrocitomi e circa un quarto di tutti i gliomi.
 
Chi è maggiormente colpito da astrocitomi anaplastici?
Gli astrocitomi anaplastici possono comparire a qualsiasi età, ma sono più frequenti nei pazienti anziani. Il loro picco di incidenza si colloca nella quinta e sesta decade di vita.
 
Qual è l´evoluzione dell´astrocitoma anaplastico?
Sono tumori maligni che crescono più rapidamente, recidivano più spesso e più in fretta degli astrocitomi a basso grado di malignità. Tendono ad infiltrare il tessuto sano circostante e questo rende difficile la loro completa rimozione chirurgica. Un’altissima percentuale di questi tende a virare in un tempo variabile (da un anno a più anni) verso un glioblastoma multiforme (Glioblastoma secondario).
    
 
   
  Esempio di "viraggio", cioè di evoluzione maligna di un astrocitoma di basso 
  grado alla Risonanza Magnetica , le macchie bianche (captazione di mezzo di
  contrasto) indicano in aumento della vascolarizzazione e quindi della malignità
  della lesione precedentemente non captante.
         
Qual è l´aspettativa di vita negli astrocitomi anaplastici?
Hanno una prognosi negativa. La sopravvivenza a due anni e del 50%, mentre a 5 anni è del 18%.
 
Come sono trattati gli astrocitomi anaplastici?
Lo scopo della chirurgia è quello di ottenere la radicalità nell´asportazione. Questo permette di aumentare la percentuale di sopravvivenza, specie se è intrapreso un trattamento adiuvante radioterapico.

 

Copyright 2000-2018 S.O.C. di Neurochirurgia - Udine - Italia