Midollo Ancorato

 

                           
                               
                                             
                                                      
                                                    
                                                            
 
Cosa è?
Nel feto il midollo spinale occupa tutto il canale vertebrale. Nell´adulto il rachide risulta più lungo del midollo spinale che termina a livello dello spazio L1-L2. La parte terminale del midollo spinale (cono midollare) e filum terminale può rimane ancorata al fondo del sacco durale (per spina bifida, cisti sacrali, ecc.) e durante l´accrescimento si stira in senso longitudinale, causando danno neurologico. 
  
È frequente?
Il midollo ancorato è assai raro. 
  
Quali sono i sintomi?
Nell´età infantile la sintomatologia è quella della malformazione congenita associata.
Nell´età adulta si hanno dolori a livello sacrale, peri-genitale e degli arti inferiori, poi disturbi sensitivi e motori, disturbi sfinterici. 
  
Come è diagnosticato?
La Risonanza Magnetica mostra chiaramente il difetto. La Tomografia Computerizzata utile per evidenziare le anomalie ossee spesso associate. 
  
Come è trattato?
Occorre rendere il midollo disancorato e ben mobile attraverso una sezione del filum terminale ispessito al di sotto del cono, nel punto di attacco durale. Il trattamento è indicato nei pazienti con segni neurologici progressivi. 
  
Qual è l´aspettativa di vita?
L´intervento è seguito dalla scomparsa o miglioramento del quadro clinico. 
 

 

Copyright 2000-2018 S.O.C. di Neurochirurgia - Udine - Italia